Per comprendere qualsiasi fenomeno umano occorre considerare la contraddizione come una cosa naturale e inevitabile. Lo stile inglese non fa eccezione, teso com’è tra l’austerità dell’obbedienza e lo scintillio con cui il rigore creato e approvato nella quotidianità viene infranto nelle occasioni o dalle persone eccezionali. Nato con Brummell, che codificò l’uniforme borghese e porse alla nuova classe dirigente un modello di eleganza compatibile coi tempi, esso giunse alla maturazione e forse al canto del cigno con il Duca di Windsor, virtuoso in grado di indossare con la stessa disinvoltura fantasie a grandi scacchi o vertiginose code. Di questi uomini ogni atto fu sempre congruo all’opera estetica.

IL TESSUTO PRINCIPE DI GALLES E’ L’EMBLEMA DI UNA CIVILTA’ DEL VESTIRE