Spesso si parla di camicie, maglie, giacche e pantaloni, ma ben poco si dice dell’intimo maschile, degli accessori e meno ancora delle calze.
Eppure completano ogni tipo di abbigliamento maschile fin dal 600a.C., definendone lo stile al punto di essere l’unica vera e propria regola.
Che si tratti di abbigliamento elegante o casual, una calza sbagliata ha il potere di rovinare in modo assoluto qualcosa di altrimenti perfetto.

La prima regola fondamentale quindi, per iniziare questo percorso informativo, è che la calza da uomo va portata sempre fino al ginocchio. Essendo sinonimo di eleganza e alta moda, andrebbe sempre indossata, anche se è consentito farne a meno nel caso in cui si indossino mocassini o sneackers, anche se è tutta una questione di gusto e comfort. E’ infatti risaputo che è più sano e confortevole usare almeno dei fantasmini, piuttosto che avere il piede a contatto diretto della scarpa.

Per quanto riguarda il colore, va detto che il bianco va sempre evitato. Non esistono eccezioni, a meno che non ci si debba recare in palestra o a fare jogging al parco. La scelta deve essere fatta in base al colore dei pantaloni e delle scarpe, ma mai essere uguali. Vanno tenuti inoltre in considerazione, i colori di cravatta e camicia, e nel caso di abito elegante, della pochette nel taschino della giacca. Quindi, se si tratta di un abito molto elegante, con le calze nere, grigie o blu a tinta unita non si rischia di sbagliare, se invece si vuole mantenere stile aggiungendo un tocco di personalità, tenendo conto che la calza deve essere scura quanto la scarpa, la scelta andrà fatta in base al colore della giacca o della camicia o prendendo spunto da uno dei colori presenti nella cravatta.

Per un abbigliamento casual invece, valgono le stesse regole dell’abbigliamento elegante, con l’aggiunta della possibilità di indossare calze coloratissime nelle più disparate fantasie o a tinta unita. Per quanto riguarda i tessuti fantasia, generalmente non sono considerati eleganti se riguardano un paio di calze, ma la persona giusta che indossa l’abito giusto, può rendere unico un look altrimenti anonimo.
Riservare quindi calze a fantasia per abiti semplici ed evitare l’abbinamento calze fantasia/abito fantasia. Creare sempre un contrasto quindi tra gli abiti e gli accessori.

Una caratteristica da non sottovalutare poi nell’acquisto di un buon paio di calze, è la vestibilità, vale a dire calze che non scendano raggrinzendosi attorno alle caviglie, rovinando irreparabilmente l’aspetto impeccabile. In commercio esistono calze confezionate con diversi materiali: seta, lana, cotone, misto.
Cotone misto a lycra garantiscono un’ottima tenuta e comfort durante tutta la giornata, anche se non tollerate da tutti. Le versioni in lana, dalle più pesanti alle extra leggere, non solo verranno scelte in base alla stagione, ma anche rispetto al materiale del resto dell’abbigliamento: con abiti in lana pettinata, per esempio, sono perfette.
Nelle occasioni speciali adatte quelle in cachemire extralight, seta o lino. Le migliori in assoluto comunque, rimangono quelle in filo di scozia doppio ritorto, pregiatissimo, in quanto garantisce freschezza e leggerezza che nessun altro materiale eguaglia, oltreché assicurare una maggior durata nel tempo. Si consiglia quindi di controllare sempre le etichette prima di acquistarne un paio.

Anche se le calze fanno parte di una piccola parte del guardaroba, sono un dettaglio fondamentale per creare un look elegante. Investire in diverse paia di calze significa avere cura di se ed essere sempre alla ricerca di nuovi stili e abbinamenti.

Condividi: