Raramente una frase sola ha avuto tanta fortuna di per se stessa. “La bellezza salverà il mondo” afferma il principe Miškin nell’Idiota di Dostoevskij [1]. Eppure quella stessa frase, ancor oggi citata infinite volte, ripetuta nei più diversi contesti fino a farne quasi scordare il suo proprio, nel testo originale ha una rilevanza ambigua: è quasi un’evocazione lontana, ricordo di qualcosa di non ben definito. Apparentemente di poca importanza.

“Dostoevskij: la Bellezza, il Male, la Libertà” è un percorso filosofico-teoretico diviso in tre parti all’interno del pensiero di F. M. Dostoevskij, seguendo altrettante tematiche-chiave del grande scrittore russo: la Bellezza, il Male e la Libertà. Attraverso la lettura dei tre grandi romanzi della maturità (L’Idiota, I Demoni e I Fratelli Karamazov) e le analisi che i suoi più grandi interpreti, specialmente in Russia, hanno dato di lui, questo percorso si propone di rintracciare, dentro alcune idee e analogie ricorrenti, le più autentiche sorgenti filosofiche di un autore al quale, secondo Nikolaj Berdjaev, “forse la filosofia ha insegnato poco, ma la filosofia ha molto da imparare da lui”.

continua la lettura

Condividi: