poker

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Dedicate a chi è abituato a tri-bettare, a chi a predilige lo slow-play, agli appassionati dell’All-In ed a chi semplicemente aspetta una buona mano.

“La prima vera distinzione tra giocatori di poker, l’unica che conta, è quella tra vincenti e perdenti. È una distinzione molto rigida, impietosa nella sua inesorabilità”.

Realizzate interamente a mano e personalizzabili nella cromaticità preferita.

Il poker richiede molte capacità: senso delle carte, introspezione psicologica, buona memoria, controllo dell’aggressività, sufficienti conoscenze matematiche per calcolare le probabilità e ciò che nel poker viene definito un “sedere di cuoio”, cioè la pazienza.

Puggy Pearson

 

Che gli piaccia o no, il carattere di un uomo è messo a nudo ad un tavolo di poker; se gli altri giocatori lo leggono meglio di quanto faccia lui, deve incolpare solo se stesso. Fino a che non sarà capace e pronto a vedersi come lo vedono gli altri, con i suoi difetti e tutto il resto, sarà un perdente alle carte, e nella vita.

Anthony HoldenBig Deal, 1990

 

 

Condividi: