Il termine carica batterica indica in microbiologia diagnostica il numero di batteri presenti per unità di volume (1 millilitro: ml) di un campione biologico (esempio, lo sputo). La capacità di causare infezioni è molto variabile a seconda della specie batterica considerata, infatti non tutti i germi hanno la stessa capacità infettante. La virulenza, cioè l’aggressività di un determinato patogeno, è conferita da molti fattori legati alle caratteristiche della cellula batterica (ad esempio capacità di aderire ed eventualmente penetrare i tessuti, capacità di sfuggire il sistema immunitario dell’ospite, produzione di fattori che causano un danno dei tessuti). Anche la carica batterica di un microrganismo può essere considerata un indice della sua virulenza, in quanto un alto numero di microrganismi riesce più facilmente ad innescare il processo infettivo.

Vi siete mai chiesti dopo aver acquistato le calzature che tanto vi piacevano quante persone le hanno provate e calzate prima di voi ?

La soluzione migliore dopo aver concluso l’aquisto è sanificare le scarpe ovvero azzerare la carica batterica: questo il servizio raccomandato da AngeloLustrascarpe

Condividi: