Esistono ben tre differenti tipologie di piede: quello detto “egizio”, quello “greco” e quello “romano“.

Quello che li differenzia è la forma, in particolare a livello delle dita. O meglio la lunghezza di ciascun dito rispetto alle altre dita. Inutile dire che a volte la forma può attrarre più o meno a seconda dei gusti personali (per quanto mi riguarda adoro sia il piede egizio che quello greco, un filo meno quello romano).

La “regola” (che poi non esiste, visto che i gusti sono personali!) vuole che il piede greco sia considerato molto erotico.In poche parole il piede egizio è caratterizzato dalla lunghezza delle dita che va a scalare (l’alluce è il dito più lungo). E’ forse il più comune, almeno in Italia. Il piede greco ha il secondo dito più lungo dell’alluce o della stessa lunghezza, mentre le altre dita sono più corte.

Infine il piede romano ha le prime dita (3-4) tutte più o meno della medesima lunghezza.Secondo i dati che ho potuto reperire la distribuzione (ma il dato riguarda medie su tutta la popolazione, sia maschile che femminile!) sembrerebbe essere la seguente: egizio 69%, greco 22%, romano 9%.

Condividi: